Il suono meraviglioso del violino di Melinda


Chiunque è stato a Medjugorje ha avuto la possibilità e la grazia di ascoltare la Comunità dei Figli del Divino Amore accompagnare con la loro musica le Adorazioni Eucaristiche comunitarie e animare la Santa Messa in lingua italiana e sarà rimasto coinvolto, emozionato, commosso dalle voci e dalla musica di questi ragazzi consacrati e dal suono meraviglioso, non so trovare altre parole, del violino suonato da Melinda Dumitrescu. Ho già parlato nel blog della Comunità (link), delle loro testimonianze (link) e della loro musica (link), ma oggi voglio dedicare questo spazio a Melinda, alla sua vita, testimonianza ed al progetto che ha iniziato nel 2013.

La musica ha in sé il potere di emozionare e coinvolgere, ma chi ha ascoltato la musica dei Figli del Divino Amore e il violino di Melinda saprà comprendere quello che le parole non sanno spiegare, la musica come dito di Dio che ti tocca profondamente, nelle corde intrecciate della tua anima e ti guarisce in modo impercettibile sciogliendo nodi induriti in lacrime di liberazione e gioia che non sai spiegare.

Melinda Dumitrescu (http://www.melindadumitrescu.net/) nasce in Romania nel 1975 da una famiglia di musicisti cattolici e fin dalla tenera età rivela il suo talento di bambina prodigio come violinista iniziando a fare concerti come solista fin dall'età di 9 anni, riceve numerosi premi e viene invitata a suonare in tutto il mondo, a 16 anni viene invitata anche in Giappone, dove, in occasione di un concerto durante il periodo dell'Avvento, al quarto bis richiesto dal pubblico decide di suonare l'Ave Maria di Bach-Gounod spiegando che cosa significa il tempo di Avvento per i cristiani ad un pubblico lontano dalla fede cristiana e il pubblico si commuove profondamente. Questo fatto fa comprendere a Melinda il senso profondo della sua musica, che va oltre il successo personale e gli applausi. In quell'occasione conosce anche quello che sarà il suo maestro, di fama internazionale, Zachar Bron, che la porta a studiare in Germania con una borsa di studio avviandola sempre più verso una carriera di grande successo internazionale. 
Accompagnata dalle preghiere dei suoi cari, in particolar modo della sua mamma, Melinda avverte il bisogno di approfondire il senso della sua vita, non soddisfatto dalla passione e dai successi come violinista, e, attraverso un libro regalato da un'amica, arriva a Medjugorje, dove scopre gradualmente la propria vocazione personale e, una volta laureata nel 2000, a 24 anni, rinuncia alla sua carriera prestigiosa e rimane a Medjugorje a servizio della Parrocchia come animatrice finché, accostandosi alla Comunità di Madre Rosaria, comprende la sua vocazione di laica consacrata.
Nel 2013 un'ulteriore evoluzione, Melinda avvia il progetto che aveva nel cuore sin dal 1998, chiamato Piccole stelle di Gesù e di Maria, una realtà di evangelizzazione attraverso la bellezza della musica e dell'arte (musica classica, musica sacra, danza e recitazione) che coinvolge giovani artisti, sulle basi della preghiera, dei sacramenti e dell'impegno della castità, una realtà staccata dalla Comunità dei Figli del Divino Amore, che organizza spettacoli di evangelizzazione in tutto il mondo. Nel breve video che conclude il post un piccolo assaggio della loro musica e del violino di Melinda.


Commenti